Per cambiare le cattive abitudini non servono solo sanzioni Stampa
Scritto da Administrator   
Lunedì 14 Agosto 2017 21:18

Pontecagnano Faiano, 4 luglio 2017

Al Sindaco

per conoscenza

Al Presidente del Consiglio Comunale

All’Assessore Igiene Urbana e Tutele Ambientale

Alla 4^ Commissione Consiliare Permanente

Al Segretario Comunale

Per cambiare le cattive abitudini non servono solo sanzioni

Egregio Sindaco,

abbiamo letto attentamente l’Ordinanza Sindacale a Sua firma “Divieto di abbandono rifiuti” (la n. 14 del 22 giugno 2017) e riteniamo che le disposizioni in essa contenute non vadano incontro alla richiesta degli abitanti del nostro comune: la cittadinanza chiede decoro urbano mediante l’adozione di atti virtuosi e concreti da parte dell’Ente.

Noi di ISEA Onlus, impegnati quotidianamente da oltre un decennio per tutelare e valorizzare natura e ambiente a Pontecagnano Faiano raccogliamo suggerimenti e criticismi da parte dei cittadini tramite sondaggi, questionari e interviste, da cui emerge uno scenario di diffuso malcontento circa la tematica “rifiuti” (ad esempio: raccolta RSU, raccolta oli esausti, deiezioni canine, insostenibile tassazione, scarso supporto logistico da parte dell’Ente, etc.).

Negli ultimi anni abbiamo sollecitato continuamente l’amministrazione ad affrontare nuovamente il tema “rifiuti” nei suoi vari aspetti ideando, progettando e realizzando un programma d’informazione e di sensibilizzazione della cittadinanza e delle utenze sia domestiche che commerciali riprendendo un discorso amministrativo iniziato negli 2010 e 2011 e poi completamente abbandonato.

Le nostre istanze hanno evidenziato come la politica ambientale sia assente dall’agenda della Giunta dell’Ente, salvo sporadiche esternazioni mai seguite da reali azioni sul territorio.

La Sua nuova ordinanza intende risolvere il problema del decoro urbano e del coevo abbandono dei rifiuti confermando e inasprendo il sistema sanzionatorio, peraltro già previsto e mai attuato dagli organismi all’uopo preposti.

Noi di ISEA Onlus ci permettiamo suggerire che

per cambiare le cattive abitudini non servono solo sanzioni

In particolare, ci preme evidenziare un passaggio (pag. 3 della citata Ordinanza):

Il complesso  tema dei rifiuti (raccolta, conferimento, abbandono, etc.) non può essere circoscritto ad un generico rimando a norme consultabili su un sito internet, oltretutto non aggiornato alle norme modificate dalla Sua Amministrazione nel corso dell’anno 2016.

La corretta e sistematica comunicazione ambientale è un elemento imprescindibile per raggiungere il risultato auspicato: il decoro urbano.

ISEA Onlus propone ancora una volta l’adozione di semplici comportamenti positivi da parte dell’Ente, in modo da dare un forte segnale di discontinuità con la politica ambientale del passato.

Distinti saluti.

Il Presidente

Antonio De Rosa

Ultimo aggiornamento Lunedì 25 Settembre 2017 20:45